A seguito dei provvedimenti del governo entrati in vigore lunedì 9 marzo, Lu.Bi service ha deciso di SOSPENDERE fino a data da destinarsi le proprie attività in quanto i corrieri non garantiscono la regolarità dei servizi di spedizione da e per la provincia di Bergamo.
Il nostro customer service rimane disponibile all'indirizzo email [email protected]
Vi aspetteremo impazienti alla riapertura

Guanti da lavoro: breve guida alle normative

Giovedì 30 Marzo 2017

Tutte le informazioni che ti servono per scegliere i migliori guanti da lavoro

Cosa sono i guanti da lavoro

I guanti da lavoro sono dei Dispositivi di protezione individuale (DPI) che, a seconda delle caratteristiche e dei pericoli da cui proteggono, possono rientrare in tutte e tre le categorie di rischio dei DPI (normativa europea 89/686/EEC).

L'utilizzo di guanti da lavoro per garantire la sicurezza degli arti superiori è fondamentale mentre si svolge una qualsiasi attività. È certificato che circa un terzo degli infortuni su posto di lavoro riguardano questa parte del corpo.

I guanti devono proteggere da varie tipologie di pericoli:

  • fisici (meccanici, termici ed elettrici);
  • chimici;
  • biologici.

 

Sulla base di questi fattori di rischio, i guanti risulteranno avere caratteristiche precise e saranno realizzati con materiali specifici. Per esempio, un guanto da lavoro da utilizzare contro agenti fisici sarà realizzato con materiali molto robusti, quali kevlar, cotone o metallo.

Come scegliere i guanti da lavoro più adatti?

Ci sono diversi criteri, che possono sembrare banali, per garantire la completa sicurezza dei propri arti superiori.

Il primo importante passo è effettuare un corretto acquisto del guanto antinfortunistico:

  • la calzata deve essere agevole e comoda, un guanto che dovesse risultare troppo piccolo o troppo grande non garantirebbe il giusto confort;
  • per alcune mansioni è necessario utilizzare guanti lunghi che proteggano non solo le mani, ma anche gli avambracci;
  • mai acquistare guanti da lavoro realizzati con materiali di scarsa qualità e che non abbiano le certificazioni; ogni dispositivo infatti presenta delle marcature che indicano l'osservanza alle norme italiane ed europee.

 

Altro fattore è di non fare mai un uso scorretto di tali dispositivi.

Altrettanto importante è assicurarsi, durante il periodo d'impiego dei guanti antinfortunistici, che siano conservati in un luogo idoneo e che questi non si consumino troppo; infatti il deterioramento e la conseguente mancanza di integrità non garantirebbero la sufficiente sicurezza.

Guanti da lavoro: marcature

Sul dorso di ogni guanto da lavoro devono comparire:

  • il nome del produttore;
  • la denominazione;
  • la taglia;
  • la marcatura CE;
  • i pittogrammi che rappresentano la/e norma/e EN di riferimento.

 

Guanti da lavoro: normative di riferimento

Le varie norme indicano contro quali agenti e rischi il guanto protegge, è quindi fondamentale controllare le sigle e i pittogrammi che le rappresentano:

Standard EN 420: 2003 fa riferimento ai requisiti generali (e riguarda tutto l'abbigliamento antinfortunistico) di design, fabbricazione, confort ed efficienza;

 

Standard EN 388: 2003 fa riferimento ai rischi meccanici: tagli da lama, abrasioni, strappi, perforazioni. Il pittogramma è seguito da quattro cifre (che possono variare da 0 a 4), ognuna delle quali indica il livello di resistenza del guanto verso uno specifico rischio: abrasione, taglio, lacerazione, perforazione;

Standard EN 407: 2004 fa riferimento ai rischi del calore e delle fiamme. Il pittogramma è seguito da sei cifre (che possono variare da 0 a 4) ognuna delle quali indica il livello di resistenza del guanto verso uno specifico rischio: infiammabilità, calore da contatto, calore convettivo, calore radiante, piccoli spruzzi di metallo fuso, grandi proiezioni di metallo fuso;

Standard EN 374 (1/2/3): 2003 fa riferimento ai rischi dovuti a sostanze chimiche e microorganismi. I guanti devono superare le prove di penetrazione e permeazione. Nel primo caso si intende il passaggio di una sostanza attraverso la porosità del materiale: cuciture, microforature, imperfezioni. Il guanto, quindi, non deve avere perdite. Nel secondo caso si intende il rischio di contatto della pelle con sostanze tossiche se i materiali non sono sufficientemente resistenti per creare un barriera impermeabile.

indica una bassa resistenza ai prodotti chimici o impermeabilità;

 

 

indica la resistenza alla penetrazione dei microorganismi;

 

 

indica la resistenza alla permeazione dei prodotti chimici ed è seguito da un codice a tre caratteri ognuno dei quali fa riferimento a una sostanza chimica (su un elenco di 12);

 

Standard EN 511: 1994 fa riferimento ai rischi del freddo. Il pittogramma è seguito da tre cifre ognuna delle quali indica il livello di resistenza verso uno specifico rischio: il freddo convettivo, il freddo da contatto, l'impermeabilità all'acqua;

Standard EN 1149: fa riferimento ai rischi dovuti all'elettricità statica;

 

 

Standard EN 1082: fa riferimento ai rischi da taglio e coltellate. Sono guanti realizzati in maglia metallica e spesso provvisti anche di proteggi braccia.

 

 

Sarà premura del datore di lavoro acquistare i guanti adatti e di qualità per i propri dipendenti.

 

Prova a visitare il nostro sito se cerchi guanti da lavoro per proteggere i tuoi arti, o passa in negozio. Non esitare a chiedere ulteriori chiarimenti e informazioni.

 
 
 
Scrivi un commento