Mascherine ffp1, ffp2 e ffp3: differenze e consigli

Lunedì 16 Settembre 2019

Qual è la maschera giusta per la tua professione? Se lavori in un ambiente polveroso, con vapore, sostanze tossiche o fumi di varia natura, ti trovi a dover fare i conti con diversi possibili fattori di contaminazione delle vie respiratorie. Ecco perché è molto importante scegliere la giusta maschera di protezione individuale.

Le mascherine facciali filtranti sono strumenti importantissimi quando si tratta di lavorare a stretto contatto con polvere di legno, saldature di acciai o qualsiasi tipo di polveri e fumi dannosi per le vie respiratorie e per l’organismo.

Tra le mascherine ffp1, ffp2, ffp3, quali sono le differenze?

In generale, maggiore è la classe, maggiore è la potenza filtrante della mascherina, ma è importante sapere quale sia il modello più adatto a progettere al meglio la tua salute e quella dei tuoi dipendenti.
Ecco una breve guida sulla classificazione dei filtri delle maschere.

 

Lavori a contatto con sostanze particolari e non sai quale mascherina ti serve?

Chiedi una consulenza ai nostri professionisti

 

Mascherine FFP1: filtri a bassa efficienza

La prima tipologia di mascherine è adatta per il filtraggio di particelle fini e polveri non tossiche, come silice, lana di vetro, grafite, cemento, zolfo, carbone, metalli ferrosi o legno tenero.

Utilizzate spesso anche per i semplici lavori di bricolage, sono perlopiù richieste nell’industria tessile, nell’artigianato, nella metallurgia, nella falegnameria o nell’industria alimentare.

Se le mascherine FFP1 sono la soluzione che state cercando, vi consigliamo questa maschera facciale filtrante di Moldex.

 

Mascherine FFP2: per filtrare sia particelle nocive solide che liquide

I modelli FFP2 hanno una capacità maggiore di filtraggio polveri e sono specificatamente progettati per filtrare le particelle fini, anche tossiche (levigatura di parti metalliche, resina, funghi...) o per proteggere da virus influenzali.

Questi modelli di maschere facciali filtranti con strato ai carboni attivi sono tra le più vendute nel nostro store, e le consigliamo in particolar modo a chi ha a che fare quotidianamente con lavorazioni di sabbiatura e saldatura, abrasione di vernici, taglio del marmo o allamatura di parquet.

 

Mascherine FFP3: vasta protezione contro sostanze liquide e solide tossiche, radioattive, cancerogene, virus e batteri

La classe più alta di tutte offre un’altissima protezione contro le particelle molto fini e particolarmente pericolose (piombo, amianto, fibre ceramiche, spruzzi di cemento ...).

Questo tipo di mascherine è riutilizzabile ed è particolarmente adatta in caso di lavoro a contatto con l’amianto (in concentrazione inferiore a 1 fibra/cm3 in 1 ora) o con la legionella (intervento di breve durata).

Utilizzabile anche come maschera antismog, è molto efficace in caso di allergia al polline.

A differenza degli altri modelli, le mascherine FFP3 devono obbligatoriamente possedere una valvola, la quale, oltre a facilitare la respirazione, evita la formazione della condensa interna e dona un maggiore comfort.

La mascherina FFP3 più performante tra quelle vendute nel nostro store è questo modello di Moldex, sempre molto apprezzata dai nostri clienti abituali.

 

 

I dispositivi di protezione delle vie respiratorie devono proteggere adeguatamente chi lavora, assicurati di avere a disposizione nella tua impresa degli strumenti di alta qualità.

Scegli il facciale filtrante giusto per la tua professione!

Scrivi un commento